/ Informatica, News, Sicurezza

GDPR e Privacy

Il 25 maggio 2018 andrà in vigore il GDPR europeo sulla Privacy. Essendo una normativa europea, viene recepita automaticamente da tutti i paesi membri dell’unione e diventa legge applicata subito, esulando dalle leggi statali e sovrapponendosi ad esse.

Tuttavia nel nostro paese abbiamo ancora qualche problema, nonostante siamo molto vicini alla “scadenza” ultima del 25 Maggio. Ma che problemi? Semplice: manca il decreto che armonizzi le leggi italiane al nuovo Regolamento europeo sulla Privacy. Questo regolamento stabilisce nuove importanti norme da seguire, identifica figure responsabili e attribuisce nuovi ruoli e nuove responsabilità all’interno delle aziende.

Vediamo insieme come ne parla il sito PMI.IT in uno stralcio di un loro articolo:

Conto alla rovescia per l’entrata in vigore del GDPR, il nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, operativo dal prossimo 25 maggio. L’iter prevede un ultimo tassello, ovvero l’approvazione definitiva del decreto di coordinamento con la normativa europea. Si tratta di un provvedimento approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri il 21 marzo, in applicazione dell‘articolo 13 della legge di delegazione europea 2016-2017 (legge 163/2017). Si tratta, sostanzialmente, della norma che disciplina l’attuazione in Italia del GDPR e la cui approvazione definitiva è prevista entro il 21 maggio. Fra i capitoli più attesi del Dlgs – che va approvato entro il 21 maggio – c’è quello relativo alle sanzioni, in particolare alla eventuale rimodulazione fra sanzioni penali e amministrative.

>[via]

Tutto l’articolo fornisce anche alcune informazioni relative al DPO (Data Protection Officer) e alcuni strumenti utili per la verifica del rispetto delle norme.

Qui l’intero articolo.

Buona lettura!

gdpr

Share this Post